Cerca nel blog

venerdì 3 febbraio 2017

San Biagio e il panettone ritardatario

Un articolo di Daniela (Luna Nera)


Il 3 febbraio si festeggia san Biagio, protettore della gola.
In tantissime chiese, come è accaduto per la Festa della Candelora del giorno precedente, si benedicono i ceri.


Il panettone di San Biagio è una tradizione di Milano poco conosciuta al di fuori dei confini della città;
si tratta di un'usanza che ha una lunga storia.
All'inizio di febbraio passeggiando per Milano non è strano, nelle vetrine di pasticcerie, panetterie e gastronomie, trovare panettoni in vendita con forti sconti (per la verità, la tradizione imporrebbe di vendere due panettoni al prezzo di uno, ma non tutti la rispettano).
Banale tentativo di liberarsi degli avanzi del dolce natalizio per eccellenza? Niente di più errato, infatti si tratta di un'usanza ben radicata nel territorio milanese: quella di mangiare il panettone il 3 febbraio, giorno di San Biagio. 


Perchè bisogna mangiare il panettone di San Biagio? E’ presto detto: il 3 febbraio è la giornata che la Chiesa cattolica dedica alla celebrazione di San Biagio, una figura che secondo la tradizione popolare milanese "benedis la gola e él nas". I milanesi, infatti, sono soliti mangiare un panettone benedetto proprio in questa giornata (anche se non è freschissimo, anzi meglio).




Chi era San Biagio

San Biagio era un medico armeno, vissuto nel III secolo d.C.: si narra che compì un miracolo quando una madre disperata gli portò il figlio morente per una lisca conficcata in gola. San Biagio gli diede una grossa mollica di pane che, scendendo in gola, rimosse la lisca salvando il ragazzo. Inutile aggiungere che, dopo aver subito il martirio, Biagio venne fatto Santo e dichiarato protettore della gola.



La tradizione del panettone di San Biagio a Milano.

Il legame con la città di Milano, però, arrivò molto più tardi: una massaia prima di Natale portò a un frate un panettone perchè lo benedicesse. Essendo molto impegnato, il frate –che si chiamava Desiderio– le disse di lasciarglielo e passare nei giorni successivi a riprenderlo. Ma la donna se ne dimenticò e frate Desiderio, dopo averlo benedetto, iniziò a sbocconcellarlo finchè si accorse di averlo finito.
La donna si ripresentò a chiedere il suo panettone benedetto proprio il 3 febbraio, giorno di San Biagio: il frate si preparò a consegnarle l’involucro vuoto e a scusarsi, ma al momento di consegnarglielo si accorse che nell'involucro era comparso un panettone grosso il doppio rispetto all'originale. Era stato un miracolo di San Biagio, che diede il via alla tradizione di portare un panettone avanzato a benedire ogni 3 febbraio e poi mangiarlo a colazione per proteggere la gola.



(notizie e immagini dal web)

Nessun commento:

Posta un commento