Cerca nel blog

lunedì 7 agosto 2017

Buone vacanze!


(Daniela)






Il Blog va in vacanza per un po', ci ritroveremo al mio ritorno....

BUONE VACANZE A TUTTI!



domenica 6 agosto 2017

Estate chiara e ardente

(Daniela)




Delle quattro stagioni dell'anno
l'estate è la più chiara e la più ardente,
fa maturare i frutti 
e sparge risa e luce.

Com'è bello, discendendo al fiume,
fermarsi sopra l'acqua.
per ascoltare in lontananza il cuculo,
per vedere la giovane luna.

- Nikolaj Aseev -

(Poesia russa del 900)

giovedì 3 agosto 2017

In agosto


(Daniela)



Sole e caldo, caldo e sole:
lo sapete che ci vuole?
Una doccia d’acqua fresca
che ristora, che rinfresca.
Giardiniere, giardiniere,
apri l’acqua per piacere!
Fra gli spruzzi, che delizia!
Butto via caldo e pigrizia.


- Jolanda Colombini Monti -






mercoledì 2 agosto 2017

Il profumo è come un tatuaggio segreto



(Daniela)





Ci sono donne che usano il profumo generosamente, che quando passano lasciano la scia, come il loro incedere forse sfrontato comunque sicuro a dire: eccomi sono qui. Come una scollatura profonda, di una bellezza che non puoi non girarti.




Poi ci sono donne di una bellezza diversa, delicata, charmant, “da intenditori” e per queste donne, che rapiscono con il magnetismo di uno sguardo, il profumo è come un tatuaggio segreto, ti devi accostare al loro collo, devi essere confidente e intimo, ma attenzione: il loro profumo rischia di rapire e restare indelebile.



da:  https://www.facebook.com/dontforgetthemirror/


martedì 1 agosto 2017

Vacanze relax = Vacanze sagge


(Daniela)

Nei lontani anni 60 si scriveva così....


Nelle nostre intenzioni, le vacanze dovrebbero essere il compendio di tutto quanto abbiamo invano desiderato durante i lunghi mesi cittadini: sole, moto, aria pura ma soprattutto libertà di fare ciò che ci piace, senza limiti di tempo o di programmi. Di solito i giorni di vacanza sono sempre troppo pochi per soddisfare tutte le nostre esigenze, così, per sfruttarli al massimo, finiamo per sovraccaricarci di veri e propri impegni, partecipando a tutte le gite, non perdendo neppure una serata danzante, ostinandoci in tacite gare di tintarella con le nostre vicine di spiaggia.
Qualche aperitivo in più, qualche gelato di troppo, qualche deroga dalle nostre abitudini alimentari: perchè fare delle rinunce dal momento che siamo in  vacanza?...
Risultato: si torna in città con l'organismo in disordine, il sonno arretrato, la linea appesantita. Una volta scomparsa la tintarella, il nostro aspetto appare più stanco e più teso di quando siamo partite.
Questo sarà forse il modo più divertente di trascorrere la vacanze, ma non è certamente il più saggio.


La scelta del luogo.




Una località tranquilla, dove la natura offre ancora un rifugio di solitudine e di silenzio, può essere l'occasione per una vacanza relax. Mare, monti, lago, campagna: tutto va bene purchè si scelga una località tranquilla, ma non isolatissima. Se lo desiderate, dovrete avere la possibilità di restare in costume da bagno tutto il giorno, ma non dovete sentirvi troppo lontana dal mondo, senza parrucchiere o profumeria a portata di mano.


La scelta degli abiti e del trucco.

Abiti semplici, grembiuli comodi, prendisole sciolti, leggerissimi e freschi. Evitate pantaloni e guaine, la parola d'ordine di questa vacanza speciale è "libertà assoluta".



Alleggerite al massimo il vostro beauty-case: basteranno un tonico e un detergente per la pulizia del viso, una leggera crema nutriente e un rossetto chiaro, latte o olio solare. Niente rimmel, ombretto, smalto alle unghie e cipria: la pelle deve riposare.



Una giornata ideale.

Organizziamo bene il nostro tempo, fedeli alla regola "libertà assoluta": non ci imporremo orari fissi o pesanti rinunce ma osserviamo qualche sana abitudine quotidiana.
La giornata-tipo dovrebbe essere così:

- Al mattino non impigrire a letto, la sveglia perfetta sarebbe verso le otto ma può essere ritardata se ne sentite la necessità.
Alzatevi e davanti alla finestra aperta respirate profondamente, fate una leggera doccia tiepida, spazzolate i capelli, mangiate a morsi una mela e uscite di casa; piano, con scarpe basse e senza borse che appesantiscono le braccia, fate una lenta e tranquilla passeggiata di un'ora. Chi può farla in salita avrà un gran vantaggio per la linea, chi può cammini sul bagnasciuga in riva al mare, tutte sentiranno i muscoli prima legati e arrugginiti diventare più sciolti.




Al ritorno, colazione a base di caffè, latte, biscotti o succhi di frutta.
Da questo momento fino all'ora di pranzo sarebbe bene restare in costume da bagno: in un giardino, in un prato, sulla spiaggia. Quello che conta è il bagno di luce e di aria che dovete dare al vostro corpo, soffocato per mesi e mesi sotto abiti, golf e cappotto.
Aria, luce e relax.

- A pranzo regolatevi in base al vostro stato di salute e alla vostra linea, il menù può essere variato a piacere, meglio niente primo piatto ma uova, carne bianca, verdura cruda o cotta e frutta fresca. Grissini o crackers, un solo bicchiere di vino.

- Dopo pranzo: riposate, anche solo per mezz'ora.
Camera oscurata, gambe sollevate da un cuscino, nessuna cintura che stringa alla vita, silenzio intorno.


Nel pomeriggio.

Dopo le quattro fate un po' di sport, se sapete nuotare fatelo, anche remare è un ottimo esercizio per la linea.



Se preferite uno sport meno faticoso, tennis, golf o bicicletta: fate un'ora di pedalate, o camminate ancora, tranquillamente, per un'ora intera. Dopo l'ora dello sport prendete una tazza di tè tiepido o un succo di frutta, mangiate pure una fetta di dolce o un panino al prosciutto, se lo desiderate.



Poi potete dedicarvi a un passatempo distensivo, a un'occupazione tranquilla e divertente: scrivere una lettera, leggere un libro, chiacchierare con un'amica, prendere un po' di sole oppure restare tranquilla a fantasticare, a contemplare il paesaggio.


All'ora di cena.

Andate in  camera, cambiatevi d'abito, rinfrescatevi ma non truccatevi anche vi sembra di essere scialba e poco "chic".
Abbiate questo coraggio e questa costanza per almeno dieci giorni, soprattutto se non lo avete fatto mai per gli altri trecento cinquantacinque.

- A cena mangiate cibi leggeri e frutta fresca. Una buona tazza di camomilla o di malva concluderà il pasto e vi disporrà a una tranquilla digestione.


Dopo cena.

Fate una rapida passeggiata, non più di un quarto d'ora.
Non affaticate gli occhi davanti al televisore e abbiate il coraggio di dire "no" alle danze. Avrete tempo un anno intero per guardare la TV o per danzare.
Salite in camera, pulite il viso con cura, fate un bagno tiepido o una doccia, spazzolate i capelli. Infine scivolate a letto:
vi accorgerete di avere un gran sonno...

Saranno dieci giorni con qualche rinuncia, ma spesi bene.
Il risultato è sicuro: lo vedrete allo specchio, e ve lo dirà la bilancia al ritorno in città. Ma soprattutto lo sentirete voi stesse, da mattina a sera, per un anno intero.


(testo e immagini da: "Enciclopedia della donna" del 1963)

lunedì 31 luglio 2017

Lavanda, intramontabile profumo...




(Daniela)





Romantica e profumata, la lavanda è sicuramente uno dei fiori più apprezzati tra quelli più comuni, tanto che alcuni scelgono di coltivarla in casa e sfoggiarla anche all’interno della propria abitazione con composizioni bellissime e profumate. Come si fanno essiccare i fiori di lavanda? Seguite i nostri semplici consigli e raccogliete i fiori più belli.


I fiori profumati della lavanda possono essere raccolti durante il periodo estivo (meglio durante i mesi di giugno e luglio) e utilizzati per decorare la propria casa e profumare armadi e cassetti.


Raccoglierli e farli essiccare, per fortuna, è molto semplice, ecco come fare. Raccogliete la lavanda di cui avete bisogno dal vostro giardino o da un campo di fiori recidendoli alla base, portate a casa il vostro mazzetto di fiori di lavanda e mettetelo a essiccare a testa in giù: scegliete un luogo asciutto e all’ombra. Quando saranno secchi, dopo qualche giorno, prendete il mazzetto di fiori e, su un piano, iniziate a sgranare i piccoli fiori con le mani: usate le mani come un pettine e passatele tra i fiori in modo che questi cadano sul vostro piano. Quando avrete raccolto i vostri fiori potrete raccoglierli dentro ad alcuni sacchetti di stoffa e metterli nei cassetti o negli armadi per profumare la biancheria.



Se invece volete creare delle composizioni di fiori con la lavanda, e desiderate conservare il fiore intero, prendete i vostri fiori recisi e metteteli dentro un sacchetto del pane. Teneteli per qualche giorno dentro il sacchetto e poi utilizzateli (con molta cautela!) per decorare cornici, vassoi a fondo vetrato o per riempire vasi di fiori che potrete posizionare in camera da letto, in salotto o all’entrata. I vostri fiori recisi saranno perfetti e potranno dare alla vostra casa un aspetto super romantico e delicato…
Buona raccolta, amanti della lavanda!


domenica 30 luglio 2017

Acqua dei monti


(Daniela)



Acqua dei monti,
chiara e fresca,
tu brilli
e zampilli alle polle,
tu spruzzi le zolle,
tu bagni
il piede ai castagni,
e curvi gli steli
dell'erbe e dei piccoli fiori;
tu specchi i bei cieli
ripieni di voli,
tu salti, tu ridi
nei limpidi rivi,
e sgoccioli roca
nei piccoli fonti,
dolce acqua dei monti...


(da un libro di lettura di IV classe del 1925)


sabato 29 luglio 2017

La spigolatrice


(Daniela)




Bimbetta povera che cerchi grano,
ieri la falce passò di qui
e non rimasero che stoppie grame
con questo sole di mezzodì.


No; vi rimase una spiga perduta
come la piuma d'un uccellino.
I mietitori non l'hanno veduta,
dormiva in terra come un bambino.


Stelo falciato somiglia uno spino:
l poveri piedi che nudi vanno
dietro il passo del contadino
a cercare il pan d'un anno.


Che un poco oggi, un poco domani:
spiga con spiga si fa un fascetto,
con un fascetto si fan tre pani
e ci campa un poveretto.

- Renzo Pezzani -


giovedì 27 luglio 2017

Buone vacanze!

(Daniela)




Per tutti, con le vacanze, si apre il gran libro della natura:
attenti a sfogliarlo con cura, a leggerlo con amore!
La maggior parte dei libri scritti ha avuto origine da quello.
Ad alcuni di voi la geografia non è simpatica. Che cosa è una catena di montagne sul libro e sull'atlante? Una filza di nomi e di numeri, una strisciolina color cioccolata.
E il mare?  Altri nomi e una pennellata d'azzurro con le noiose righe dei meridiani e dei paralleli.
Ma se il treno, l'automobile, le gambe vi hanno portato davvero tra le alte foreste di abeti, in vista dei nevai, sopra panorami sventagliati al sole, oppure vi hanno calato su una spiaggia, su una scogliera, dinanzi al magnifico specchio marino e alla fresca danza delle onde incoronate di bianca spuma, allora la geografia non è più materia noiosa, è anzi la più attraente, la più entusiasmante forma di vita!
Certo che per vedere non basta aprire gli occhi; bisogna anche guardare: e si guarda veramente non soltanto con gli occhi, ma con l'intelligenza e col cuore.
Il libro della natura è maestoso, grandioso, solenne; e anche minuto, affollato di infiniti particolari.
Chi più lo guarda, più ne coglie le bellezze e i significati.
Un cielo stellato e un solo fiore campestre raccontano storie meravigliose, profonde, a chi le contempla.


- Giuseppe Fanciulli -

dal libro: "Via Fiorita" di quinta classe del 1970.

martedì 25 luglio 2017

Il medaglione della nonna



- Un racconto di Annalisa Ferri -



La porta della casa gialla era aperta e la tendina lunga e leggera si muoveva lentamente con l'aria che veniva dal mare. Così era chiamato dagli anziani quel soffio gentile ed atteso, quando da lontano con il canto delle cicale giungeva dopo pranzo ed inondava i giardini e le aie dove le peonie sbocciate rilasciavano la notte il loro profumo intenso. Nella casa gialla viveva da sola la vecchia fornaia, che un tempo preparava i dolci ed il pane per tutto il borgo, ed ora viveva le sue giornate in compagnia della campagna, attendendo che i nipoti andassero a trovarla.



Come da bambini, arrivavano sempre tutti e tre insieme e si specchiavano ogni volta nella giovinezza che un medaglione d'oro tenuto al collo dalla nonna, nascondeva dai loro anni.



 Giungevano da lontano e si fermavano sempre, prima di entrare, davanti alla lunga fila dei lillà che costeggiavano la strada. La casa della nonna profumava ancora di farina e di sambuco, di vaniglia e di miele e tutti i bambini avevano avuto per il proprio compleanno una crostata o un ciambellone preparato da quelle piccole mani gentili. Quando i pomodori profumati coloravano gli orti, tutti accorrevano da lei per comprare il pane e mangiarlo la sera in mezzo alle lucciole e all'odore di gelsomini.



Dalle finestre sempre aperte fin dall'alba ancora si sentiva l'intenso profumo di lievito, di buccia di arancia o succo di limone, di vino bianco e noci tostate, di pizza e di trecce al latte. Per chiunque passasse all'ombra della vite che lasciava al cortile puntine di stelle e di cielo, il tempo si era fermato nel momento in cui l'ultimo ciambello al cioccolato era stato sfornato per la festa del patrono, tra il suono della banda ed i colpi scuri sfumati nel vento del cielo, prima che il sole tramontasse tardi in piena estate.



Da quel giorno poi il forno si chiuse agli altri; nessuno seppe il motivo per il quale la vecchia signora dal volto sempre allegro non preparò più dolci e pane per il paese e si chiuse nella sua casa grande, contemplando il tramonto aranciato oltre il piccolo muro grigio del suo orto, che macchiava di arancione le piante delle zucchine e dei pomodori, l'ombra del ciliegio e del mandorlo, la rimessa degli attrezzi che rifletteva quel rosso tenue. Le cicale alzavano quel loro canto finché i grilli non davano loro il cambio sui rami più alti a guardare la luna sottile e tardiva. La signora, seduta sul muretto che dava al bosco, teneva tra le mani delle foto legate da uno spago antico e guardava i volti ridere sotto i grappoli d'uva pronti o davanti ai barchi del grano, donne anziane sedute a ricamare, il matrimonio delle sue coetanee, una foto all'arco della chiesa coperto di rose gialle e poi, le ultime che teneva per sè erano quelle dei suoi tre nipoti, un pomeriggio di agosto, tra i fiori gentili dei fagiolini e le foglie piene del fico dai frutti già maturi.



I volti dei bambini erano baciati dal sole che si avviava al tramonto e resisteva sulla punta dei boschi a cui tornavano lenti i corvi a sera ed avevano il sorriso spensierato dell'età dalle lunghe giornate e delle notti cariche di luoghi da esplorare e rumori da ascoltare nei cortili o nei vicoli pieni di gerani. I tre nipoti la nonna li vedeva ancora giocare tra le fragole e gli albicocchi, nell'odore di terra  bagnata da un temporale frettoloso, nel fieno portato dal vento insieme al richiamo d'amore della poiana. Saltavano ancora nell'orto, in mezzo alla pioggia mentre dalla montagna si componeva l'arcobaleno e veniva fuori dalle fronde dell'albero del paradiso e dei faggi.



Li sentiva correre nel cortile, ridere sotto il letto, li vedeva sbattere con lei le uova, far volare la farina con un soffio che ancora forse tra quelle stanze continua ed esce quando il medaglione si apre e le stelle sembrano più vicine, il vento più intenso, e se durante la pioggia estiva compare davanti ai monti l'arcobaleno, nell'orto i nipoti corrono e saltano, ridono sotto il fico, schivano le piantine delle fragole e per tenere quella magia l'anziana chiude il medaglione ed insieme alla notte che veglia sul suo sonno, la cullano le risa nei corridoi ed i soffi giocosi di farina.


- Annalisa Ferri -

lunedì 24 luglio 2017

Lo spaventapasseri


(Daniela)






Suo compito proteggere i raccolti
dalle razzìe dei passeri e dei tordi
apparve in mezzo al campo un bel mattino:
glielo aveva portato il contadino.

Due bastoni incrociati per supporto,
lungo pel corpo e per le braccia corto,
una vecchia zimarra rattoppata
imbottita di paglia ben pressata,

una testa di stracci col cappello
per essere il terrore d’ogni uccello.
Sapete cosa ha fatto un cardellino?
Si è costruito il nido in un taschino!


© Castellani Carla

sabato 22 luglio 2017

Offida, borgo delle merlettaie


(Daniela)



Tempo fa ho scoperto tramite una trasmissione televisiva il borgo di Offida, nella Marche in provincia di Ascoli Piceno.

Offida vanta uno dei centri storici più interessanti e meglio conservati del territorio piceno tanto da essere inserito nella lista dei borghi più belli d'Italia. Ciò che più mi ha incuriosito è che sia uno dei pochi paesi in cui si tramanda ancora l'antica arte del tombolo, celebrata nel "Monumento alle Merlettaie", edificato nel 1983 da Aldo Sergiacomi.

























 Numerosi e pregiatissimi pizzi impalpabili sono in esposizione presso la "Mostra permanente del Merletto a Tombolo". Offida dunque è famosa per questa laboriosa e paziente tradizione antica, forse risalente al XV secolo e importata dall’Oriente, praticata con maestria dalle donne del paese spesso sedute in piccoli gruppi davanti all’uscio di casa intente a lavorare in base ai tre punti più diffusi: il punto Rinascimento, il punto Venezia e il punto antico.


















L’arte del merletto a fuselli, si tramanda di generazione in generazione dal almeno cinque secoli: da semplice passamano a fine gioco d'intrecci, per produrre manufatti di raro pregio e bellezza.  L'antica tradizione viene ricordata anche durante la Mostra del merletto a tombolo, che si svolge tra fine giugno ed inizio luglio.



(Museo del Merletto)




 Per gli amanti del vino, questa cittadina costituisce una tappa importante, dal momento che, oltre ad essere un importante centro vinicolo, qui ha sede la seconda Enoteca Regionale delle Marche. Da visitare: la Rocca, il Palazzo Comunale, uno dei più belli delle Marche, il Teatro Serpente Aureo, uno dei teatri storici delle Marche, il Palazzo Castellotti Pagnanelli che riunisce in un'unica sede il Museo Archeologico "G. Allevi", la Pinacoteca Comunale e il Museo delle Tradizioni Popolari.
Altro monumento insigne della cittadina è la maestosa Abbazia di S. Maria della Rocca, una delle più significative costruzioni romanico-gotiche delle Marche.



Da visitare anche la Fontana della Dea Flora:



Famoso è il Carnevale storico di Offida.




Cucina



Oltre che per il Rosso Piceno e l'Offida Pecorino DOC, Offida è famosa per alcune specialità culinarie. In particolare sono da segnalare i "funghetti" mentre è di recente stata riscoperta e rilanciata con una apposita sagra un'altra specialità caratteristica: il "chichì ripieno".


Funghetti





Sono un dolce che si presenta come un tortino di forma tondeggiante irregolare sul quale emergono delle forme bianche, simili a cappelle di funghi, dure e cave all'interno. Gli ingredienti sono farina, acqua, zucchero, albume d'uovo e semi di anice che conferiscono il caratteristico sapore. Un dolce povero e antico che si conserva per lungo tempo e riacquista morbidezza se lo si riscalda.

Chichì ripieno


Focaccia o più propriamente "schiacciata" in pasta di pane sottile, forma tonda e piatta, viene riempita tradizionalmente con tonno, alici, capperi e peperoni tritati.

VIDEO DI OFFIDA:













(Notizie e immagini dal web)