Cerca nel blog

venerdì 13 gennaio 2017

Dolci di Sant'Antonio (Lombardia)


Il 17 gennaio è la ricorrenza del patrono degli allevatori, dei macellai, dei contadini, degli animali domestici, dei guantai, dei cestai: Sant’Antonio Abate, conosciuto anche come Sant’Antonio del Fuoco, Sant’Antonio del deserto e Sant’Antonio l’Anacoreta. In Lombardia è Santo patrono di numerosi comuni, eppure vi è il comune di Lonate del Garda che, in onore del Santo (e sebbene non ne sia il patrono) suole preparare il Chisöl. Ad ogni modo, la ricorrenza si celebra in tutt’Italia e in onore di colui che è considerato il fondatore del monachesimo italiano, vengono preparati i gustosissimi tortelli.




Tortelli di Sant’Antonio.

Ingredienti:
250 gr di farina;
100 gr di burro;
3 uova;
2 dl di latte;
una mela di medie dimensioni tagliata a cubetti;
50 gr di uva passa (uva sultanina);
Una tazzina di rum;
2 cucchiai di zucchero (anche di canna);
Scorze intere di un limone non trattato (solo la parte gialla);
Olio di semi di girasole (per la frittura).



Preparazione:


In un tegame scaldare il latte con il burro e la scorza di limone; dopo che il burro si sarà completamente sciolto, togliere la scorza di limone e aggiungere la farina; mescolare con cura e far cuocere lentamente; quando il composto inizierà ad attaccarsi, spegnere la fiamma, far raffreddare e infine unire il rum, le uova e lavorare con lo sbattitore; lasciar riposare per circa trenta minuti, unire i cubetti di mela, l’uva passa e mischiare; far scaldare l’olio per la frittura e a temperatura raggiunta, aiutandoci con un cucchiaio da minestra, versiamo delle palline di impasto; quando saranno ben dorate lasciarle scolare sulla carta assorbente; spolverarli con lo zucchero ancora caldi, in modo che aderisca bene.






Il Chisöl è una semplice ciambella tipica di Lonato Del Garda in provincia di Brescia, tradizione vuole che sia cucinata il 17 gennaio, giorno di Sant’Antonio Abate, da qui deriva il detto lombardo: “Sant’Antonio chisoler, chi non fa el chisol ghe burla so el solèr”, ovvero “Sant’Antonio ciambellaio, chi non fa il chisol gli casca giù il solaio”.




Ingredienti:


350 g di farina di tipo 00
50 g di fecola
170 g di zucchero
3 uova
100 g di strutto ( o burro) e mezzo bicchiere di olio di oliva
1 bustina di lievito per dolci
scorza di limone
un pizzico di sale
mezzo bicchiere di latte
un bicchierino di rum


Preparazione:

Unire le uova con lo zucchero, montando il tutto. Aggiungere il burro e l'olio continuando a mescolare bene, per ottenere un composto omogeneo.
Aggiungere tutti gli altri ingredienti cercando di amalgamare il tutto in maniera soffice e spumosa. Per ottenere un composto soffice e spumoso, ma assolutamente non liquido, dovrete regolarvi con il latte, aggiungendone di più se necessario.
Ottenuta la consistenza adatta, infornare in una teglia per ciambelle, nel forno pre-riscaldato a 170° per circa 40 minuti.



da: http://www.cucinaredolci.it/chisol

Un "GRAZIE" di cuore all'amica Roberta che mi ha fatto conoscere questa ricetta!

2 commenti: