Cerca nel blog

giovedì 27 luglio 2017

Buone vacanze!

(Daniela)




Per tutti, con le vacanze, si apre il gran libro della natura:
attenti a sfogliarlo con cura, a leggerlo con amore!
La maggior parte dei libri scritti ha avuto origine da quello.
Ad alcuni di voi la geografia non è simpatica. Che cosa è una catena di montagne sul libro e sull'atlante? Una filza di nomi e di numeri, una strisciolina color cioccolata.
E il mare?  Altri nomi e una pennellata d'azzurro con le noiose righe dei meridiani e dei paralleli.
Ma se il treno, l'automobile, le gambe vi hanno portato davvero tra le alte foreste di abeti, in vista dei nevai, sopra panorami sventagliati al sole, oppure vi hanno calato su una spiaggia, su una scogliera, dinanzi al magnifico specchio marino e alla fresca danza delle onde incoronate di bianca spuma, allora la geografia non è più materia noiosa, è anzi la più attraente, la più entusiasmante forma di vita!
Certo che per vedere non basta aprire gli occhi; bisogna anche guardare: e si guarda veramente non soltanto con gli occhi, ma con l'intelligenza e col cuore.
Il libro della natura è maestoso, grandioso, solenne; e anche minuto, affollato di infiniti particolari.
Chi più lo guarda, più ne coglie le bellezze e i significati.
Un cielo stellato e un solo fiore campestre raccontano storie meravigliose, profonde, a chi le contempla.


- Giuseppe Fanciulli -

dal libro: "Via Fiorita" di quinta classe del 1970.

Nessun commento:

Posta un commento